Home MDF GREZZO

MDF Grezzo

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

 

alt

Il pannello di fibre a media densità, o MDF, è il pannello a base di legno più famoso e diffuso della famiglia dei pannelli di fiba, che comprende altre due categorie di pannelli, distinte in base al processo impiegato e alla densità: bassa (LDF), media (MDF) e alta (HDF).

La materia prima utilizzata comprende molti tipi di legno, siano essi tondame, scarto o cascame di lavorazione. Partendo dal tondame, esso viene di solito prima scortecciato, poi cippato, con l'ausilio di sminuzzatrici o frammentatrici, e poi selezionato e controllato per eliminare eventuali impurità o residui mal sminuzzati. Il procedimento per la trasformazione dei frammenti di legno in fibra (raffinazione) viene eseguita attraverso la macinazione per rompere i legami esistenti e formare una pasta di fibre. Tale processo solitamente viene effettuato in acqua, o mediante l'ausilio di vapore, o infine ancora tramite trattamenti chimici a base di sostanze alcaline che indeboliscono i legami della lignina, e può avvenire attraverso due procedimenti: per via secca o per via umida.

Il procedimento per via secca consiste nell'essiccazione delle fibre di legno tramite l'utilizzo di aria calda. Le resine impiegate (solitamente UF o PF) possono quindi essere addizionate alle fibre sfruttando la turbolenza dell'aria, che assicura una buona miscelazione della resina. Successivamente le fibre incollate vengono disposte a formare uno strato su di un nastro tessuto o perforato, in maniera più regolare ed uniforme possibile, onde evitare variazioni di altezza o densità. Sotto il nastro viene applicata una depressione. Data la densità olto bassa delle fibre con la resina, l'altezza degli strati che si formano è piuttosto elevata, ragion per cui si rende necessaria una compressione preliminare a freddo che serve ad eliminare eventuali tasche d'aria, compatti lo strato di fibre e ne riduca l'altezza iniziale. Per ottenere pannelli di grandi spessori occorre sovrapporre più strati di fibre pre-pressati: una sovrapposizione senza la pressatura non sarebbe possibile per la dimensione troppo elevata degli strati di fibre. La pressatura avviene in presse monovano o multivano, dopo che il materasso viene tagliato, a temperature di circa 140 - 165° C per UF e 190° per PF. Le pressioni utilizzate variano in base alla densità che si vuole conferire al pannello.

Il procedimento per via umida, chiamato anche feltratura per via umida, differisce dal precedente procedimento in quanto viene utilizzata l'acqua come mezzo di distriuzione delle fibre. La giusta quantità, necessaria alla formazione di un pannello, di fibre e acqua miscelate, viene posizionata su di un piano che ha proprietà di permeabilità nei confronti dell'acqua, dopodichè viene applicata una depressione al di sotto del piano, che aggiunta all'azione di cilindri pressori che schiacciano la mischela, fa sì che venga rimossa l'acqua in eccesso. Segue l'operazione di pressatura, in cui l'utilizzo combinato di alta temperatura e pressione permette di utilizzare la lignina, il polimero che è contenuto naturalmente nel legno, come legante per i legami fibra-fibra, grazie proprio alle se caratteristiche termoplastiche e al processo che ne deriva di plasticizzazione e ricementazione.

 Definizioni e caratteristiche prestazionali

 alt 

 Scheda di sicurezza  alt
   
 

 



GE.CO. PANNELLI S.r.l. Via Isonzo 40/42 33076 Pravisdomini (PN) ITALY Tel. +39 0434  644997 Fax +39 0434 645790 P.IVA/C.F./R.I.03242140279 Cap.Soc. 108.400,00 € i.v. REA 85033